Umberto Curi
Il confine come luogo d’incontro con l’altro
9 ottobre | 13:30
Image module

Rispetto a termini solo apparentemente sinonimi, quali frontiera o limite, il termine confine ha un significato peculiare. Esso indica infatti il luogo dell’incontro con l’altro, là dove la mia identità è posta in rapporto con l’alterità. Questo incontro non ha mai un esito scontato, perché l’altro non è mai semplicemente hospes, l’ospite da accogliere, ma è sempre anche potenzialmente hostis, il nemico che mi minaccia. Di qui la necessità di distinguere sempre, pur nella loro indissolubile connessione, ospitalità e accoglienza.

 

Umberto Curi è stato per oltre 40 anni ordinario di Storia della filosofia presso l’Università di Padova, dove è ora attualmente professore emerito. Visiting Professor, presso le Università di Los Angeles e di Boston, ha tenuto lezioni e conferenze presso una ventina di università europee e americane. È autore di oltre 40 volumi, alcuni dei quali hanno ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti internazionali. I suoi libri più recenti sono stati pubblicati entrambi nel 2021: La morte del tempo (Il Mulino), e Fedeli al sogno (Bollati Boringhieri). Collabora con “La Lettura” del Corriere della Sera.

 

L’evento è ad ingresso gratuito.
Se desideri assicurarti un posto a sedere scrivi una mail a sconfinarefestival@bellinzona.ch, la prenotazione è gratuita e non obbligatoria.
Consulta le informazioni generali per le modalità di accesso.

 

→ SCARICA IL BOOKLET