Categorie

Paesaggi a confronto. Arte, natura e società in Svizzera 1850-1920

In mostra al Museo Villa dei Cedri

Data

18.09.2021 - 16.01.2022

Luogo

Museo Villa dei Cedri
Villa dei Cedri / Museo, Via San Biagio, Bellinzona, Svizzera
  • ORARI:

    mercoledì - giovedì 14:00-18:00
    venerdì, sabato, domenica e festivi 10:00 - 18:00
    Lunedì e martedì chiuso

  • MAGGIORI INFORMAZIONI:

    Prova

  • SITO:

    www.villacedri.ch

  • COSTO:

    biglietto normale chf 10.- | eur 9.00
    biglietto ridotto chf 7.- | eur 6.00

  • Didascalia: Alexandre Calame (Vevey, 1810 - Mentone (F), 1864), Lac des Quatre-Cantons près de Brunnen, 1857, olio su tela, 90x120 cm, Collection Pictet, Genève, © Collection Pictet
X

Dalla seconda metà dell’Ottocento fino alla Prima Guerra mondiale, la società in Svizzera cambia radicalmente con l’industrializzazione e l’urbanizzazione, lo sviluppo della mobilità e del turismo. Anche il paesaggio si trasforma: l’intensificazione dell’agricoltura, la nazionalizzazione e la protezione dei boschi ne modificano la struttura e l’aspetto.

Il «bel paesaggio» svizzero non corrisponde quindi più all’ideale incontaminato del Settecento, ma la nostalgia di questa visione idillica si combina con il desiderio di realismo e di modernità. Di certo, nella produzione artistica, contano sempre i modelli più antichi, come le vedute olandesi del XVII secolo, così come le tendenze che emergono dai grandi centri europei quali Parigi e Monaco. Tuttavia, mai come allora sono stati determinanti anche le amicizie e gli scambi culturali tra i pittori elvetici, ad esempio la formazione del bernese Ferdinand Hodler presso Barthélemy Menn a Ginevra o il soggiorno del basilese Arnold Böcklin nell’atelier di Gottfried Steffan a Monaco di Baviera. Mettendo in dialogo le opere di questi artisti, la mostra offre la rara possibilità di comprendere i loro rapporti, che superano le frontiere regionali, e di contemplare i loro paesaggi con rinnovata meraviglia e consapevolezza.

Con opere di Cuno Amiet, Edoardo Berta, Arnold Böcklin, Alexandre Calame, Gustave Castan, François Diday, Hans Emmenegger, Filippo Franzoni, Otto Frölicher, Jacques-Elie-Abraham Hermanjat, Ferdinand Hodler, Barthélemy Menn, Alexandre Perrier, Luigi Rossi, Giovanni Segantini, Johann Gottfried Steffan, Félix Vallotton, Robert Zünd e altri artisti.


Pubblico

aggiungilo al calendario