Malattia e salute mentale nell’antichità greco-romana

Teoria nosologica e pratica clinica

Data

28.01.2022

Ora

18:00 - 19:00

Ciclo «Follia nel mondo antico (e oltre)» promosso dall’AICC-DSI.

È facile pensare che l’alterazione o la patologia mentali siano sempe esistite e facciano parte dell’esperienza umana, o addirittura animale. Non bisogna però, da un lato, cadere nell’errore di identificare diagnosi e descrizioni moderne con narrative antiche e, dall’altro, percepire il mondo greco o latino come talmente distanti da accettare come esperienze comuni forme di disturbo oggi incompatibili con una sopravvivenza normale. È quindi necessario mantenere un giusto equilibrio tra queste tendenze interpretative e cercare di riportare alla luce le antiche concezioni nel loro contesto storico.
Nella sua presentazione, Chiara Thurriger si soffermerà sulle fonti mediche per sottolineare il materialismo della psicologia medica antica e il suo rifiuto di una contrapposizione tra anima e corpo, evidenziando l’emergere di categorie nosologiche comparabili a quelle a noi familiari.

Si darà anche uno sguardo alle formidabili descrizioni antiche di casi clinici individuali che ci ricollegano all’esistenza quotidiana di pazienti con disturbi mentali in epoche così lontane.

Interverranno: Chiara Thurriger, Università di Kiel (Germania) e Lucia Orelli Facchini, membro di comitato AICC-DSI.
Introdurrà la serata Paola Piffaretti, Biblioteca cantonale di Bellinzona.

Chiara Thurriger è una classicista e storica della scienza: attualmente labora come Research Fellow nel Cluster of Excellence ROOTS presso l’Università di Kiel. Sul versaante medico della sua ricerca, i suoi interessi sono incentrati sulla storia della psichiatria e delle rappresentazioni della salute mentale. Come classicista, ha lavorato sulla tragedia greca, sulle antiche concezioni del sé e sugli animali antichi.


Organizzatore

AICC-DSI
Pubblico

Scarica

Invito

aggiungilo al calendario