Categorie

ARTE ISRAELIANA 1950 – 1980

Aharon Kahana (1905-1967) / Raffi Lavie (1937-2007) / Lea Nikel (1918-2005) / Igael Tumarkin (1933-2021)

Data

24.09.2022 - 18.12.2022

Luogo

MACT/CACT Museo e Centro d'Arte Contemporanea Ticino
MACT/CACT, Via Tamaro, Bellinzona, Svizzera
  • ORARI:

    Venerdì 14:00 – 18:00

    Sabato 14:00 – 18:00

    Domenica 14:00 – 18:00

    o su appuntamento

  • SITO:

    www.cacticino.net

  • COSTO:

    CHF 6.-

X

ARTE ISRAELIANA 1950 – 1980

Parallelamente alla mostra personale dedicata a Pier Giorgio De Pinto, il MACT/CACT ospita una sezione particolare e insolita alle nostre latitudini; un omaggio alla produzione artistica israeliana dagli anni 1950 agli anni 1980.

Gli anni Cinquanta e Sessanta del 1900 sono stati ruggenti per la ricerca del segno e dei linguaggi pittorici a radice espressionista, prevalentemente nell’ambito dell’astrazione. A partire dagli anni 1940, in America si fa strada con forza l’Action painting, che vede protagonisti artisti quali Pollock, Kline, Motherwell, Twombly, Rothko e tanti altri. Questo nuovo movimento, nato dalle ceneri della figurazione moderna e figlio, in qualche modo, del duchampismo, la cui filosofia metteva interamente in discussione tutti i linguaggi artistici nella società del dopo-guerra, nonché il rapporto artista-pubblico, trova dei paralleli fondamentali anche in Israele.

Aharon Kahana, nato a Stoccarda nel 1905 e fuggito a Ramat Gan (1935) poco prima della promulgazione ufficiale delle leggi razziali contro la cultura ebraica in Europa, segna e testimonia, attraverso il suo percorso, il passaggio tra la pittura tardo espressionista e moderna, e il contemporaneo che inizia a farsi sentire negli anni 1950. La sua opera non solo rimane fondamentale nella storia della pittura israeliana, ma è da ricordare per aver aperto un orizzonte importante per la ricerca, a lui successiva, attorno al linguaggio astratto sviluppato poi da Raffi Lavie (1937-2007) o dall’artista di origini ucraine Lea Nikel (1918-2005). Lavie e Nikel marcano quell’apertura liberatoria all’emozionalità del gesto, anziché concentrarsi esclusivamente alla forma e ai suoi paradigmi, particolarità che fu anche degli americani citati prima.

Tra gli artisti storici più eclettici figura sicuramente anche Igael Tumarkin (1933-2021), pittore ma soprattutto scultore, che fa del suo procédé una sorta di perenne studio d’artista, dove sperimenta nuove vie estetiche tra figurazione e astrazione, grazie all’utilizzo di materiali diversificati e di recupero.

Mario Casanova, 2022.

Inaugurazione: sabato 24 settembre ore 17:30
Dal 25 settembre al 18 dicembre 2022: Ogni venerdì, sabato, domenica, 14:00 – 18:00 o su appuntamento


Organizzatore

MACT/CACT Museo e Centro d'Arte Contemporanea Ticino
Email
info@cacticino.net
Website
https://www.cacticino.net/

Scarica

Locandina

aggiungilo al calendario