Michela Marzano

La cultura: un antidoto al conformismo e alle ideologie

Data

01.10.2022

Ora

18:00

Luogo

Piazza del Sole
Piazza del Sole, Bellinzona, Svizzera
  • MAGGIORI INFORMAZIONI:

    Se desideri assicurarti un posto a sedere scrivi una mail a sconfinarefestival@bellinzona.ch, la prenotazione non è obbligatoria ma consigliata.

  • SITO:

    http://www.sconfinarefestival.ch

  • COSTO:

    Intero
    Pass giornaliero “Oltre il muro”: CHF 20.-
    Singola conferenza: CHF 8.-
    Ridotto (AVS, AI)
    Pass giornaliero “Oltre il muro”: CHF 18.-
    Singola conferenza: CHF 6.-
    Studenti: gratuito

X

Sconfinare Festival
dal 30 settembre al 2 ottobre 2022
Piazza del Sole, Bellinzona

La cultura è forse l’unico vero anticorpo che esiste oggi nei confronti del degrado del sentimento di appartenenza alla comunità. Come ci hanno insegnato grandi intellettuali come Arendt, Adorno o Horkheimer analizzando i processi che avevano progressivamente permesso ai fascismi di emergere, la cultura è d’altronde il solo antidoto a nostra disposizione ogniqualvolta si affievolisce la capacità critica e ci si appiattisce sulle ideologie dominanti. Avere capacità critica, però, significa non solo opporsi al conformismo, ma anche avere il coraggio di pensare in maniera autonoma senza cedere ai processi globali che “producono cultura” esattamente come si producono le merci. Al punto da chiedersi se il vero problema, oggi, non sia soprattutto quello di capire chi abbia veramente la capacità e il coraggio, rinunciando alla celebrità effimera, di andare controcorrente e di articolare tra di loro il sapere tecnico e la capacità critica.

Modera l’incontro Manuel Camassa, filosofo, insegnante presso il Liceo Cantonale di Lugano 2.

Michela Marzano è filosofa, saggista e scrittrice. Dal 1998 vive a Parigi, dove è professore ordinario di filosofia morale all’Université Paris Descartes. Collabora con “la Repubblica” e “La Stampa”. Ha scritto numerosi saggi e romanzi sia in francese sia in italiano, tradotti poi in molte lingue. Con L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore (UTET) ha vinto il Premio Bancarella 2014. L’analisi della fragilità della condizione umana rappresenta il punto di partenza delle sue ricerche e delle sue riflessioni filosofiche.

Manuel Camassa (Pescia, 1990) ha studiato filosofia e storia all’Università di Pisa e all’Università di Lucerna, con semestri di studio presso le Università di Heidelberg, Berna e Berlino. Nel 2021 ha ottenuto il suo dottorato in filosofia all’Università di Lucerna, con un progetto che ha ricevuto il sostegno finanziario del Fondo Nazionale Svizzero per la ricerca scientifica e che verte sul ruolo morale dell’empatia. A partire da settembre 2020 insegna filosofia al Liceo Cantonale di Lugano 2. È autore di alcuni articoli dedicati a tematiche di etica, fenomenologia e filosofia delle emozioni.

 


Organizzatore

Sconfinare Festival
Phone
Città di Bellinzona

aggiungilo al calendario