«Bevitori», «vagabondi» e «dissolute» in istituto per una «rieducazione»

L’internamento amministrativo in Ticino (1900-1981)
17.04.2019
18:30 - 20:30

Fino all’inizio degli anni Ottanta donne e uomini dal comportamento e dallo stile di vita in conflitto con le norme sociali venivano internati in istituto dalle autorità cantonali allo scopo di essere “rieducati” moralmente e al lavoro. Il fenomeno sarà esplorato nel corso della serata attraverso dei contributi sul quadro legale in vigore e sul principale istituto d’internamento ticinese – la Casa per intemperanti La Valletta di Mendrisio -, sul percorso di vita delle persone coinvolte e sul ruolo dell’Archivio di Stato per la conservazione della memoria storica di questa pagina del passato ticinese e svizzero.

Seguirà una discussione con il pubblico.

Interventi di Loretta Seglias (membro CPI/storica), Marco Poncioni (Archivio di Stato del Cantone Ticino), Vanessa Bignasca (collaboratrice scientifica CPI), Marco Nardone (collaboratore scientifico CPI) e Viviana Gnesa (Archivio di Stato del Cantone Ticino).
Moderazione: Simonetta Caratti (giornalista La Regione)

Condividi evento
Dove
Pubblico
Per tutti
Entrata
Gratuita
Organizzatori
Commissione peritale indipendente (CPI) internamenti amministrativi
Sito web
Dati di contatto (non visibili)
Eva Locher
079 783 37 91

Condividi articolo via e-mail